Frequently Asked Questions


Disclaimer

The information provided by Arpa Industriale S.p.A. ("Arpa") in this document is solely indicative. Arpa is unable to warrant the accuracy and completeness of this information. No rights can be derived from the information provided; the use of the information is at the other party's risk and responsibility.
This document does not guarantee any properties of Arpa's products.

Close

1.  Produzione dell'HPL ARPA

1. Da che cosa è composto l'HPL?
È composto da circa il 70-60% di carta e circa 30-40% di resine termoindurenti. Queste ultime sono di due diversi tipi: le resine fenoliche impregnano gli strati di carta interni, quelle melaminiche gli strati esterni.

2. Come si produce un foglio di laminato ad alta pressione?
I laminati HPL sono costituiti da strati di carta sovrapposti, impregnati di resine termoindurenti e irreversibilmente uniti attraverso la simultanea applicazione di calore (maggiore di 120 °C) e pressione (maggiore di 5 Mpa) per cicli di 40'/50'.

3. I livelli di pressione e calore cui sono sottoposti i materiali nelle presse incidono sulle proprietà del prodotto finito? Se sì, in che modo e in quale misura?
La qualità dei laminati HPL è influenzata dai livelli di pressione e calore applicati nella produzione. Arpa utilizza una pressione maggiore di 7 MPa e una temperatura di circa 150 °C. In questo modo le caratteristiche superficiali e strutturali dei laminati raggiungono un alto livello.

4. Che cosa distingue un HPL di bassa qualità da uno eccellente?
Una scarsa resistenza al graffio, all'urto, all'usura, al vapore, al calore, alle macchie e alla luce sono indice di materie prime di scarsa qualità e/o condizioni di processo con pressione o temperatura più bassa e tempi di cottura più brevi. I valori minimi richiesti di comportamento sono riportati nella EN 438.